Per assistenza ed informazioni199 24 05 85
Seguici su:

Aria compressa: quali sono i rischi?

Aria compressa: quali sono i rischi? 18 Luglio 2019
L’aria compressa, adoperata per tantissime operazioni nei cantieri edili, può essere anche rischiosa? Pare di sì, ma solo se usata nel modo sbagliato

L’aria compressa può sembrare innocua, della semplice aria che fuoriesce da un tubo, ma non lo è. L’aria compressa, infatti, è un getto velocissimo e ad alta pressione che, se colpisce qualcuno, può causare danni anche gravi, se non letali.

I macchinari ad aria compressa vengono usati in moltissime situazioni, per varie applicazioni e in diversi ambiti lavorativi, compresi quelli edili. Troppi lavoratori, però, spesso ignorano che quest’ultima comporta rischi d’infortunio molto elevati.

Chiunque ci lavori deve tenere bene a mente quali sono i rischi dell’aria compressa, così da essere consapevole che usarla con poca attenzione potrebbe essere anche fatale. Ecco come evitare rischi.

Aria compressa: cosa si rischia se usata male?

Potrebbe sembrare innocuo colpire qualcuno con un getto di aria compressa, ma non è così. Venire a contatto diretto con quest’ultima, anche se si indossano protezioni, può essere causa di:

  • Cadute dall’alto o cadute con conseguente contatto con parti mobili di una macchina e lesioni più o meno gravi.
  • Gravi lesioni alle orecchie se colpiti da un getto di aria compressa alla testa o se esposti a rumore eccessivo, pericoloso sia per l’operatore che per chi è intorno.
  • Lesioni agli occhi e danni fisici al volto se colpiti alla testa da aria compressa o a causa di eventuali ritorni di materiale come schegge, polvere, trucioli.
  • Lesione ai polmoni o all’esofago se si punta un getto di aria alla bocca.
  • Embolia gassosa, nel caso in cui l’aria compressa riesca a penetrare la pelle, magari attraverso una ferita. Potrebbe causare gravi problemi come embolia, bolle d’aria nei vasi sanguigni o infezioni serie causate da piccole quantità di sporcizia contenute nel getto.

Aria compressa: proteggersi dai rischi

È importante ridurre la pressione dinamica del getto e il troppo rumore. Tutti i macchinari funzionanti ad aria compressa devono avere dei requisiti di sicurezza che evitino la produzione di rumore troppo alto che possa danneggiare l’udito dei lavoratori e la possibilità di penetrazione della cute. Bisogna, quindi, munirsi di:

  • Riduttori di pressione: servono per evitare danni all’udito poiché diminuiscono il rumore prodotto dall’ugello di soffiaggio. Inoltre, è consigliato non superare i 3,5 bar di pressione.
  • Ugelli multipli: servono ad evitare la penetrazione cutanea poiché suddividono il getto d’aria in tanti getti più piccoli.

Per essere sicuri di lavorare senza il minimo rischio per la salute, i lavoratori devono sempre:

  • Indossare occhiali e protettori auricolari;
  • Indossare guanti e tuta da lavoro protettiva;
  • Mai usare la pistola ad aria per pulire indumenti o parti del corpo;
  • Mai dirigere il getto contro se stessi o altri;
  • Prima di cominciare a lavorare, controllare che tutti i tubi siano danneggiati o fissati male;
  • Assicurarsi che il macchinario non sia collegato all’elettricità o che sia spento durante la sostituzione di accessori o la manutenzione;
  • Indossare guanti appropriati se si puliscono pezzi piccoli di un macchinario ad aria compressa;
  • Pulire i fori ciechi coprendo il punto di soffiaggio con uno straccio per evitare la proiezione di trucioli o polvere.

Giuliano Group consiglia di rispettare sempre le normative per la sicurezza in cantiere. Per ulteriori informazioni, o per usufruire dei servizio di noleggio e assistenza, non esitare a compilare il nostro form contatti.