Per assistenza ed informazioni199 24 05 85
Il numero whatsapp è attivo dal Lun al Ven 8-13 e 14-17 Lun - Ven 8-13 e 14-17Seguici su:

Dispositivi di protezione individuale: cosa c’è da sapere

Dispositivi di protezione individuale: cosa c’è da sapere 21 Gennaio 2018

I Dispositivi di protezione individuale (DPI) sono fondamentali in un cantiere edile. Ecco tutto ciò che c’è da sapere sul loro uso

I dispositivi di protezione individuale, conosciuti anche con l’acronimo DPI, hanno la funzione di proteggere la persona che li indossa dai rischi per la salute e la sicurezza che corre facendo il proprio lavoro. 
L’uso dei DPI è necessario quando si sono già valutate e attuate tutte le norme di protezione collettiva. Bisogna, quindi, capire se è possibile eliminare o contenere il rischio. 
Non si possono considerare dispositivi di protezione individuale:
  • Indumenti di lavoro ordinari e uniformi
  • Attrezzature di protezione delle forze armate e dei mezzi di trasporto stradali
  • Materiali per l’autodifesa
  • Attrezzature per i servizi di soccorso
I DPI, per essere immessi sul mercato e usati nei cantieri edili, devono essere conformi all’allegato II del Decreto Legge 475/92 ed alle norme della Commissione Europea, riportando il marchio CE. Inoltre, il dispositivo deve contenere il manuale d’istruzione d’uso, conservazione, pulizia e data di scadenza. 
Ancora, i dispositivi di protezione individuale devono essere graditi all’operatore, quindi comodi cosicché quest’ultimo sia invogliato a indossarli. È importante che siano:
  • Adattabili e comodi per la persona che li indossa 
  • Facili da indossare e togliere
  • Compatibili con l’epidermide
  • Resistenti ed economici
  • Non devono creare impedimenti al lavoro
  • Non devono avere parti pericolose

Categorie di DPI

I dispositivi di protezione individuale si dividono principalmente in tre diverse categorie:
  • I categoria: la prima categoria comprende tutti i dispositivi di semplice progettazione che servono a proteggere da danni di lieve entità
  • II categoria: la seconda categoria è formata da dispositivi che non rientrano nella prima e nella terza categoria come caschi, guanti, stivali protettivi, ecc.
  • III categoria: alla terza categoria appartengono i dispositivi di progettazione complessa che servono a proteggere da incidenti gravi con conseguenze permanenti o morte.

Dispositivi di protezione individuale: gli obblighi del datore di lavoro 

Il datore di lavoro ha degli obblighi ben precisi per quanto riguarda l’uso, la scelta, l’igiene e l’efficienza dei DPI. Inoltre ha la responsabilità dell’addestramento dei lavoratori al proprio uso. 
Ecco quali sono precisamente i suoi obblighi:
  • Mantenere in piena efficienza i dispositivi
  • Assicurarsi che vengano usati correttamente dagli operatori e solo per gli scopi previsti
  • Informa i lavoratori dei rischi a cui vanno in contro e del perché vengono usati i DPI
  • Dà istruzioni precise e comprensibili ad ogni lavoratore
  • Si assicura che i DPI siano personali
  • Stabilisce le procedure di sicurezza da seguire
  • Si assicura che i lavoratori siano ben addestrati nell’usare i DPI
Ovviamente, anche i lavoratori hanno degli obblighi da rispettare, tra questi c’è quello di avere cura dei DPI messi a loro disposizione, non apportare modifiche di propria iniziativa, seguire sempre le regole del datore di lavoro e segnalare subito malfunzionamenti.
Officine Giuliano consiglia di rispettare sempre le normative per la sicurezza in cantiere. Per ulteriori informazioni, o per usufruire dei servizio di noleggio e assistenza, non esitare a compilare il nostro form contatti.