Per assistenza ed informazioni199 24 05 85
Seguici su:

Come illuminare il cantiere per lavorare in sicurezza al calar del sole

Come illuminare il cantiere per lavorare in sicurezza al calar del sole 11 Novembre 2020

Diversi cantieri risultano operativi anche dopo il tramonto rendendo necessario l’utilizzo di impianti di illuminazione artificiale. In questi casi è fondamentale garantire un’illuminazione adeguata e mirata a rendere il luogo di lavoro quanto più sicuro possibile per tutti gli operai.

I requisiti di un impianto di illuminazione in cantiere

Quando la luce naturale diventa insufficiente è importante prevedere l’utilizzo di diverse forme di illuminazione artificiale, il tutto seguendo le direttive della Norma UNI 12464-2, che stabilisce quali sono le caratteristiche necessarie ad ogni impianto, nello specifico:

  • Illuminamento medio mantenuto (Em);
  • Grado di uniformità dell’illuminamento (U0);
  • Indice generale di resa del colore (Ra);
  • Indice di abbagliamento nella zona del compito visivo (GRL).

Di seguito, una tabella con i limiti previsti dalla Norma UNI 12464-2 in materia di illuminazione dei cantieri:Limiti Norma UNI 12464-2 illuminazione cantieri

 

 

Tipologie di impianti di illuminazione sul cantiere

Per realizzare un impianto di illuminazione si utilizzano diverse tipologie di dispositivi, che possono essere suddivise in tre categorie:

Impianti di illuminazione fissi

Si tratta di strumenti di illuminazione installati tramite un fissaggio rimovibile solo servendosi di utensili rendendone il posizionamento saldo e sicuro. Alla stessa categoria appartengono anche i dispositivi presenti in luoghi difficilmente raggiungibili, come pali alti o soffitti. Gli impianti fissi devono essere abbastanza robusti da poter reggere eventuali urti accidentali e talvolta potrebbe essere necessaria anche la resistenza agli schizzi d’acqua.

Impianti di illuminazione mobili

In questa categoria rientrano gli apparecchi non installati in maniera e che risultino facilmente trasportabili tra le diverse del cantiere, una volta scollegata l’alimentazione. Un esempio è dato dalle torri faro, che si basano su una struttura di supporto ed una colonna sulla quale sono presenti le luci. Gli impianti di illuminazione mobili sono molto utilizzati per lavorazioni all’esterno ed è importante che siano dotati di un grado di protezione IP65. Sei alla ricerca di una torre faro per il tuo cantiere? Consulta la gamma noleggio Giuliano.

Impianti di illuminazione portatili

Sul cantiere si possono predisporre lampade portatili a disposizione degli operai. Queste devono risultare leggere e pratiche vista la loro natura estremamente portatili. La normativa di riferimento per questi dispositivi è la CEI 34-34 che stabilisce:

  • L’impugnatura deve essere in materiale isolante non igroscopico;
  • Tutte le componenti in tensione devono essere protette in modo da impedire contatti accidentali;
  • Deve essere presente un involucro in vetro o altro materiale trasparente a protezione della lampada;
  • Deve esserci una griglia metallica protettiva ed isolante.