Per assistenza ed informazioni199 24 05 85
Seguici su:

Operai esposti al freddo: cosa si rischia

Operai esposti al freddo: cosa si rischia 28 Febbraio 2020

I lavori in un cantiere edile hanno luogo in ogni periodo dell’anno, anche durante i più rigidi. Ma quali rischi corrono gli operai esposti al freddo?

Essere esposti al freddo sul posto di lavoro può comportare dei rischi per la salute, e non c’è bisogno di affrontare temperature gelide al di sotto degli zero gradi, poiché anche quando si è sottoposti a +15°C si sta già lavorando al freddo.

Ma cosa rischiano gli operai esposti al freddo? Vediamo insieme come evitare rischi sul posto di lavoro.

Cosa si rischia lavorando al freddo

In locali non riscaldati o in luoghi di lavoro all’aperto, il freddo potrebbe provocare rischi per la salute e una bassa efficienza professionale.

È ovvio che lavorare in condizioni sfavorevoli possa rallentare le performance e diminuire le capacità professionali, aumentando di conseguenza il rischio di incidenti a causa della difficoltà motoria e la minore concentrazione. Le prime parti del corpo più esposte al freddo sono il viso, la testa, i piedi e le mani. Queste ultime, a causa della ridotta irrorazione del sangue, diventano meno sensibili, meno mobili e meno abili.

L’esposizione al freddo prolungata, inoltre, può causare reumatismi cronici, disagi alle vie respiratorie e alle vie urinarie e danni al sistema nervoso periferico nel lungo periodo.

In casi più gravi, le basse temperature possono causare congelamenti locali o una fatale ipotermia.

Lavorare al freddo: come proteggersi

Lavorare a basse temperature è considerata un’attività pericolosa e come tale vanno prese precise misure per non correre alcun rischio.

Ecco le regole di sicurezza in caso si lavorasse al freddo.

Prevedere misure anti-freddo

È consigliabile utilizzare un riscaldamento locale come stufe a raggi infrarossi o radiatori, ma è importante non creare differenze di temperatura troppo elevate. Nel caso si fosse alla guida di grandi macchinari come le gru, è bene coprire le superfici metalliche esterne isolando la cabina dal freddo, e dotare il mezzo di sedili riscaldati e strumenti di comando termicamente isolati.

Prevedere delle pause frequenti

Ogni lavoratore deve effettuare liberamente una pausa quando ne sente il bisogno, considerata come tempo di lavoro effettivo, e trascorrerla in un luogo termicamente confortevole, magari riscaldandosi con una bevanda calda. Inoltre, è consigliabile che ogni operaio svolga alternativamente attività lavorative al freddo e poi in posti più caldi.

Usare un abbigliamento consono

Il giusto abbigliamento da lavoro anti-freddo è in grado di ridurre al minimo ogni pericolo per la salute. Il datore di lavoro ha l’obbligo di disporre per ogni lavoratore degli indumenti adeguati in dotazione personale.

Tra gli indumenti necessari ci sono:

  • maglieria intima termica, in microfibra o in lana
  • indumenti traspiranti
  • giacche anti-vento
  • guanti protettivi in pile con finitura anti-scivolo
  • gilet o giubbini con elementi catarifrangenti nel caso di scarsa visibilità
  • calzature con suole e plantari termici e traspiranti.

Giuliano Group ha molto a cuore la salute dei dipendenti di un cantiere edile, e invita tutti a rispettare sempre norme e regole di sicurezza.