Per assistenza ed informazioni199 24 05 85
Seguici su:

Segnaletica di sicurezza in cantiere: ecco una guida

Segnaletica di sicurezza in cantiere: ecco una guida 29 Gennaio 2020

Che cos’è e a che serve la segnaletica di sicurezza in cantiere? Proviamo a fare un po’ di chiarezza con questa semplice guida

Cominciamo dalle basi: cos’è la segnaletica di sicurezza? È una segnaletica, presente nel cantiere edile, che dà indicazioni o prescrizioni al riguardo della sicurezza o della salute di un luogo di lavoro. Per farlo, utilizza un cartello, un colore, un segnale gestuale, luminoso o acustico a seconda dei casi.

Scopriamo di più al riguardo.

I vari tipi di segnali di sicurezza del cantiere

Esistono molte tipologie di segnali di sicurezza. Ecco i principali:

  • Divieto: il divieto è un segnale che vieta un dato comportamento che può causare un pericolo per se stessi o per gli altri;
  • Avvertimento: il segnale avverte di un rischio o di un pericolo;
  • Prescrizione: il segnale prescrive un certo comportamento;
  • Salvataggio o di soccorso: il segnale può indicare le uscite di sicurezza o i mezzi di soccorso e di salvataggio;
  • Informazione: è un segnale che fornisce delle informazioni;
  • Cartello: è un segnale che fornisce una determinata informazione in base ad una combinazione di forme geometriche, colori e simboli precisi, la cui visibilità è garantita da una illuminazione intensa;
  • Cartello supplementare: è un cartello che fornisce informazioni complementari ed è allegato ad un altro cartello;
  • Colore di sicurezza: è un colore al quale è assegnato un significato preciso;
  • Simbolo o pittogramma: è un’immagine che serve a rappresentare una situazione o indica un comportamento che solitamente è impiegata su un cartello o una superficie luminosa;
  • Luminoso: è un segnale costituito da un materiale trasparente e illuminato dall’interno o dal retro;
  • Acustico: è un segnale sonoro emesso da un dispositivo;
  • Comunicazione verbale: è un messaggio verbale che ha origine da una voce umana o di sintesi vocale;
  • Segnale gestuale: è un movimento preciso che serve a guidare altri lavoratori che stanno effettuando manovre a rischio.

Come si utilizzano i segnali di sicurezza in cantiere

Il datore di lavoro è obbligato ad installare la segnaletica di sicurezza, dopo aver provveduto alla valutazione dei rischi. I segnali di sicurezza sono fondamentali per gestire la viabilità di persone e materiali in piena sicurezza e per rendere visibili i rischi all’interno del cantiere.

La gestione dei segnali e il loro utilizzo fa parte delle mansioni del Coordinatore della progettazione e del Coordinatore per l’esecuzione dei lavori.

Segnali di sicurezza occasionali o permanenti

La segnaletica di sicurezza può essere occasionale o permanente. Nel primo caso si tratta di segnali gestuali o verbali, nel secondo caso si tratta di situazioni di avvertimento, obbligo, divieto, indicazione ed è una segnaletica formata da cartelloni di colore diverso in base alla categoria.

I colori dei segnali e il loro significato

Come abbiamo accennato, i colori sono fondamentali per esprimere informazioni ben precise. Vediamo quali:

Il colore rosso

Il rosso è utilizzato per i segnali di divieto e per la cartellonistica antincendio. Per ognuno di questi messaggi ci sono precise caratteristiche:

  • Segnali di divieto: solitamente i segnali di divieto hanno come caratteristica la forma rotonda, un pittogramma nero su fondo bianco, bordi e bande rossi. Il colore rosso deve coprire almeno il 35% della superficie del cartello.
  • Cartellonistica antincendio: la cartellonistica antincendio ha come caratteristiche la forma quadrata o rettangolare, un pittogramma bianco su fondo rosso. Il rosso deve coprire almeno il 50% della superficie del cartello.

Il colore giallo

Il colore giallo è dedicato ai segnali di avvertimento, come quelli di Attenzione, Verifica e Cautela. Questa cartellonistica è caratterizzata dalla forma triangolare, un pittogramma nero su sfondo giallo e un bordo nero. Il giallo deve coprire almeno il 50% della superficie del cartello.

Il colore azzurro

Il colore azzurro indica i segnali di prescrizione, come l’obbligo di portare un mezzo di sicurezza personale o il comportamento o un’azione specifica. Questa cartellonistica è caratterizzata da una forma rotonda, un pittogramma bianco su sfondo azzurro. L’azzurro deve coprire almeno il 50% della superficie del cartello.

Il colore verde

Il colore verde è dedicato ai segnali di salvataggio o di soccorso, come porte, percorsi, uscite, materiali e postazioni. Questa cartellonistica è caratterizzata da una forma quadrata o rettangolare, un pittogramma bianco su fondo verde. Il verde deve coprire almeno il 50% della superficie del cartello.